Come le tariffe possono aiutare o danneggiare

    268

    For marketing of your brand you can now send us a WhatsApp message directly, click here.

    L’Farm Bureau ha recentemente pubblicato una circolare ben scritta sulle tariffe e sul loro impatto sull’agricoltura statunitense, un’organizzazione indipendente, non governativa e di volontariato che rappresenta e governa famiglie di agricoltori e allevatori, di natura non partigiana, non settaria e non segreta. Poiché le mandorle e altre noci e la frutta secca potrebbero essere colpite molto presto, vorremmo condividere con voi il seguente articolo. Si prega di notare che le conclusioni potrebbero non essere necessariamente le nostre:

    Il commercio, in particolare le esportazioni, sono fondamentali per l’agricoltura statunitense. Un quarto intero dei prodotti agricoli statunitensi (in valore) viene esportato. Per alcune materie prime la percentuale è ancora più elevata.

    Credit: USDA FAS    
    Credito: USDA FAS

    Chiaramente, la domanda estera di prodotti agricoli statunitensi gioca un ruolo enorme nel reddito agricolo.

    Grazie agli accordi commerciali che hanno ridotto le barriere alle nostre esportazioni, gli agricoltori e gli allevatori statunitensi esportano più (in termini di valore) degli agricoltori di qualsiasi altro paese. Infatti, gli Stati Uniti hanno un surplus commerciale in agricoltura. Il commercio agricolo è un successo per gli Stati Uniti. Purtroppo, questo successo commerciale è a rischio.

    Le nostre esportazioni agricole – e la grande fetta di reddito dei contadini e degli allevatori che ne deriva – sono minacciate su tre fronti.

    Tariffe
    Gli Stati Uniti negli ultimi mesi ha imposto tariffe su 79 miliardi dollari di beni e servizi e ha proposto tariffe aggiuntive su 702 miliardi dollari di altri prodotti esteri, per incoraggiare i principali partner commerciali per risolvere i problemi commerciali di lunga data che esistono. Cina e altri paesi che sono importanti mercati per l’agricoltura degli Stati Uniti hanno subito ritorsioni con dazi su miliardi di dollari ‘di prodotti agricoli del valore di Stati Uniti.

    La carne di maiale statunitense è soggetta a un’ulteriore tariffa del 50 per cento in Cina e del 20 per cento in Messico.
    La frutta è soggetta a un’ulteriore tariffa del 25-40 per cento in Cina e del 20 per cento in Messico.
    Albero da frutta faccia una tariffa supplementare 25-40 per cento in Cina.
    Vino affronta un ulteriore 15 per cento della tariffa in Cina.
    I formaggi sono soggetti a un’ulteriore tariffa del 25 per cento in Cina e del 20-25 per cento in Messico.
    Soia, cotone, mais, grano, manzo, sorgo e altri prodotti agricoli devono affrontare una tariffa supplementare del 25 per cento in Cina.
    Anche altri paesi hanno adottato misure di ritorsione. Da quando le tariffe sono entrate in vigore, i prezzi di alcuni prodotti agricoli statunitensi sono scesi. A partire dal luglio 2017, il prezzo del mais nuovo raccolto era sceso di oltre 71 centesimi un bushel (17 per cento) dalla sua alta stagione di metà maggio, e il prezzo della soia nuovo raccolto era sceso $ 2,07 per bushel (20 per cento).

    Kansas City grano duro Red Winter è sceso quasi $ 1 per ogni bushel (16 per cento).
    I suini magri di dicembre hanno perso quasi un quarto del loro valore dall’inizio dell’anno – i prezzi sono diminuiti di 14,90 dollari per centopeso a partire dalla metà di luglio.
    I coltivatori di frutta, noci e ortaggi stanno assistendo a impatti simili. Durante le ultime due settimane di giugno, le esportazioni di mele di Washington in Messico sono state off circa il 40 per cento rispetto a questo stesso periodo di un anno fa. Le esportazioni di mandorle in giugno sono diminuite da maggio, anche verso la Cina (-48%), l’Europa occidentale (-18%) e il Medio Oriente (-26%). Ancora peggio, gli agricoltori hanno anche visto costosi ritardi nelle spedizioni in Cina con l’aggiunta di sdoganamento volte all’arrivo per andare avanti con il primo ciclo di tariffe per prodotti come arance e ciliegie.
    I produttori di bestiame e di prodotti lattiero-caseari hanno visto diminuire il loro reddito a causa dell’incertezza degli scambi. I prezzi del latte e dei prodotti lattiero-caseari sono scesi di oltre il 10% tra giugno e luglio 2017.
    Risalendo all’inizio del 2018, il suino magro e i futuri bovini vivi hanno perso l’8-10 per cento del loro valore a causa dell’accresciuta incertezza degli scambi commerciali. Dal momento che questi agricoltori e allevatori vendono quotidianamente sul mercato, la guerra commerciale ha spazzato via miliardi di dollari in entrate di cassa delle aziende agricole.
    Molti agricoltori e allevatori sostengono l’intento, se non il metodo, della controversia per creare un campo di gioco più equo per gli Stati Uniti e ridurre il nostro deficit commerciale complessivo, in particolare con la Cina, dove il deficit commerciale degli Stati Uniti ha raggiunto un record di 375 miliardi dollari l’anno scorso. Tuttavia, danneggiare le esportazioni agricole impegnandosi in una guerra commerciale minaccia un’area dove gli Stati Uniti hanno un surplus commerciale.

    Mentre l’amministrazione ha annunciato che fornirà fino a 12 miliardi di dollari in assistenza per gli agricoltori e allevatori colpiti dalle tariffe, che l’assistenza (buona solo per il 2018) non può e non compenserà i danni a lungo termine alle nostre esportazioni agricole. Per quanto riguarda gli aspetti positivi, l’assistenza dimostra che l’amministrazione sta mantenendo la promessa di prestare attenzione agli agricoltori e agli allevatori. Sul lato negativo, potrebbe anche essere interpretato nel senso che la guerra commerciale non ha fine in vista.

    Che cosa chiediamo?
    Per limitare i danni ai prezzi agricoli e al reddito delle famiglie agricole, gli Stati Uniti devono negoziare presto una risoluzione della controversia sulle tariffe e non devono imporre ulteriori tariffe che invitino solo ulteriori ritorsioni contro le nostre esportazioni agricole. La nostra economia agricola, che sta già danneggiando, non può resistere a una prolungata guerra commerciale.

    Incertezza NAFTA
    Da quando gli Stati Uniti hanno cominciato ad accennare ad un possibile ritiro dall’accordo di libero scambio nordamericano

    Credit: USDA FAS    
    Credit: USDA FAS    

    Subscribe to the tablet/Smartphone edition here:
    https://issuu.com/store/publishers/theclipper/subscribe

    Subscribe to the Print edition here:
    https://www.agropress.com/produkt/the-clipper-print-edition-subscription-2/

    Book your advertisement in the Print Edition, the Podcast, the Smartphone Edition, our Youtube and Social Media Channels here:
    https://www.agropress.com/shop/

    Listen to the Podcast here:
    https://anchor.fm/theclipper

    See our Media Kit here:
    http://theclippermag.com/wp-content/uploads/2020/04/AGROPRESS-CLIPPER-MEDIA-KIT-ENGLISH-2020.pdf


    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.